Storia

Benvenuto Benvenuti

Nasce a Livorno il 5 ottobre 1881. La sua vicenda si lega ad alcune delle personalità più importanti del divisionismo italiano, prima fra tutte quella del pittore lombardo Vittore Grubicy De Dragon, a cui si deve quel potenziamento divisionista della luce che caratterizza molta parte della sua produzione. Il suo primo maestro fu Lorenzo Cecchi, insegnante alla Scuola delle arti e dei mestieri di Livorno.
Cecchi, intimo amico di Adolfo Tommasi, infonde nel giovanissimo Benvenuti tutta la lezione paesaggistica macchiaiola.
Il suo esordio è un paesaggio del 1896, quando egli ha solo 15 anni. Durante questa primissima fase, che va dal 1896 al 1899, le influenze tardo-macchiaiole sono molto forti: egli stringe amicizia con diversi artisti, per esempio con Llewelyn Lloyd, ed è fortemente influenzato da Fattori, Adolfo Tommasi e Signorini. Nel 1900 l'artista inizia una fase caratterizzata da esperimenti divisionisti.
Nei suoi primi dieci, quindici anni di lavoro, ha un approccio di tipo eclettico, non rigoroso, scegliendo ciò che lo convince da artisti diversi e in momenti diversi. Il "Cavallo alla mangiatoia" e il "Trittico di Suese" del 1901-1902 sono due esempi di questa sua fase sperimentale. L'incontro diretto con Grubicy nel 1902 segna l'inizio di una amicizia molto intensa; soprattutto dopo il trasferimento a Milano presso di lui, prima per un anno e poi periodicamente fino al 1920, Benvenuti si avvicina sempre più alla trama pittorica pulviscolare su tonalità madreperlacee propria dell'amico e maestro, e successivamente anche alla tecnica sicura e ortodossa di Pellizza da Volpedo e di Morbelli. Nel 1907 presenta sette paesaggi livornesi alla esposizione dei divisionisti italiani, organizzata alla Galleria Grubucy a Parigi, e due anni dopo, sempre in questa città, partecipa al Salon d'Automme con gli amici livornesi Llewelyn Lloyd e Plinio Nomellini.
Nel 1911 espone a Milano alla Mostra di Arte Libera. Nel 1914, con gli amici Gambogi e Puccini, preferisce far parte della 83^ Esposizione della Società Amatori e Cultori di Roma, pur avendo contribuito a far aderire gli artisti livornesi alla prima edizione della Secessione romana. Nel 1920 assiste all'amico morente Grubicy De Dragon e ne diventa l'erede testamentario. Stabilitosi poi a Livorno, nel 1921 riprende l'attività espositiva in occasione della Prima Biennale Romana con gli amici Liegi Lloyd e Nomellini. Dal 1922 in poi partecipa alle esposizioni livornesi di bottega d'Arte e del "Gruppo Labronico", recuperando il divisionismo dei primi anni e ottenendo, con riferimento alla personale del '23 a Bottega d'Arte, dei notevoli riconoscimenti da parte di Charles Doudelet e Gustavo Pierotti Della Sanguigna. Negli stessi anni Venti dedica una particolare attenzione anche alla grafica - soprattutto disegni e litografia.
Il risultato è una specifica mostra nel 1933 alla Galleria dell'Esame di Milano. Nel 1935 Pierotti Della Sanguigna organizza una sua mostra personale presso la Galleria Scopinich di Milano. Esce anche un saggio di Benvenuti intitolato: L'idea e la luce nella pittura divisionista e la mia mostra a Milano. Superato il secondo conflitto mondiale, durante il quale vive con la famiglia nei pressi di Lucca, riprende ad esporre da solo o con il "Gruppo Labronico" (1945, Galleria Tallone a Milano; 1948, Casa Dante di Firenze). Una malattia agli occhi provoca l'interruzione della sua attività negli anni Cinquanta. Muore nel 1959 a Livorno, nella sua casa di Antignano. Sergio Rebora (a cura di), Benvenuto Benvenuti, dal vero al simbolo, Comune di Livorno, Pontedera 2001.
Benvenuto Benvenuti, a cura di A. Conti, Comune di Livorno, 1982.
Raffaele Monti (a cura di), Il divisionismo toscano, Edizioni De Luca, Roma 1995.
Raffaele Monti e Giuliano Matteucci (a cura di ), I Postmacchiaioli, Edizioni De Luca, Roma 1994.


< Autori

Villa al Mare, 1911 Villa al Mare,1911