Storia

Leonetto Cappiello

Nasce a Livorno il 9 aprile 1875 da famiglia benestante. Gli esordi della sua fortunata e brillante carriera artistica si fanno risalire alla metà degli anni Ottanta quando, nel 1886, a soli undici anni, esegue due ritratti ad olio (andati purtroppo perduti) e, sempre in questo periodo, delle caricature, genere a cui si dedicherà per tutta la vita. Le prime opere note sono dei disegni che Cappiello realizza nel 1888 e cioè copie che egli fa di antiche litografie di famiglia, copie a loro volta di famosi quadri dei grandi maestri italiani, come ad esempio: La Trasfigurazione di Raffaello. Sono, invece, del 1889 i primi dipinti conosciuti. Nel 1891, data a cui si fa risalire il suo debutto ufficiale nel mondo dell'arte, espone per la prima volta a Firenze alla Promotrice quattro opere, purtroppo scomparse. Sempre in questo anno viene inserito da Diego Martelli nel gruppo dei giovani pittori livornesi che avevano sposato la tecnica impressionista. Nel 1891-1892 prese parte nuovamente alla Promotrice fiorentina con tre opere.
La produzione pittorica, poco conosciuta e studiata, si protrarrà all'incirca fino agli ultimi anni del XIX secolo, avendo, come soggetti, ritratti, studi di interni con figure e paesaggi, anche se alcune importanti opere, come ad esempio Il ritratto dello scrittore Paul Adam del 1908, esposto alla Biennale di Venezia del 1914, La famiglia Cappiello del 1909 (di proprietà del Museo Civico Giovanni Fattori) e il celebre Autoritratto del 1925 (che si trova agli Uffizi), verranno eseguite sporadicamente dall'artista nei primi due decenni del XX secolo.
Nel 1896 pubblica a Livorno l'album di caricature "Lanterna magica", così la sua lunga e fortunata attività di grafico pubblicitario e cartellonista, che svolgerà poi a Parigi (dove si trasferisce nel 1897) e per la quale egli è principalmente conosciuto, vista la sua genialità e la portata delle sue innovazioni.
Proprio a partire dal 1897 fino alla morte, avvenuta il 2 febbraio del 1942 a Cannes, realizzerà molte affiches, collaborerà a varie testate giornalistiche tra cui il "Matin" e "Le Figaro", parteciperà con le sue opere a importanti esposizioni italiane e straniere, e riceverà prestigiose onorificenze, come la Legion d'Onore nel 1914.
AA.VV., Ottocento, Numero 2, Cronache dell'arte italiana dell'Ottocento, Giorgio Mondatori & Associati, Milano 1991.
Mostra retrospettiva di Leonetto Cappiello, 1875-1942, Caricature, bozzetti, manifesti, Casa della Cultura, 3 settembre-9 ottobre 1960,
Municipio di Livorno, s.n., 1960?.
Raffaele Monti e Giuliano Matteucci (a cura di), I Postmacchiaioli, Edizioni De Luca, Roma 1994


< Autori

Signora in un interno, 1891 Signora in un interno, 1891
La famiglia Cappiello (1909) La famiglia Cappiello (1909)